”I Colori del Mondo” di Mariana Marinova

Mariana Marinova, scultrice bulgara, presenta le sue opere nell’ambito del 2° Festival Internazionale di Musica ”San Martino a Natale” 2015.

”I Colori del Mondo”, questo il titolo dell’esposizione, è l’insieme suggestivo e fantastico di una serie di figure, modellate con e nella carta, della brava artista che si ispira alle rappresentazioni della creatività artistica dell’uomo. Un viaggio per il mondo, attraverso l’interpretazione, tutta personale, della raffigurazione di forme umane in modo emozionale.

Un concetto semplice ma, nello stesso tempo, profondo fondamentale come la vita stessa. L’uomo e il suo mondo spirituale sono i soggetti della poesia di Marinova, binomio complesso ma essenziale, come la necessità di esprimere pensieri e sentimenti.

Le opere offrono una visione universale delle diverse culture ed esprimono valori assoluti che vanno dalla ricerca dell’equilibrio stilistico al concetto spirituale dell’azione; rapporto indissolubile tra universo dell’arte e infinito pianeta delle emozioni.

Mariana ha cominciato ad usare questa tecnica nel 2013, attraverso un rapporto istintivo, spontaneo e naturale con la materia. Le varie scoperte tecniche, che ha via-via acquisito, sono state un divertente “learn by doing”, una sorta di apprendimento e approfondimento necessario ma allo stesso tempo felice e gioioso. Per ottenere una pasta morbida e malleabile l’artista fa bollire la carta nell’acqua, poi la impasta e la mescola con colla. Il cartoncino e la carta bianca dei suoi primi esperimenti, sono stati sostituiti con cartone abete più naturale, meno raffinato e meno tossico, ma la tecnica per ottenere una pasta spalmabile è sempre la stessa.

Contemporaneamente alla realizzazione della pasta, salda le basi in ferro e la struttura che è l’ossatura delle sue sculture. Realizza una “muscolatura” iniziale con carta di giornale avvolta intorno alla struttura e, solo a questo punto, usa la pasta di carta ricoprendo e dando forma alle sue opere. Una volta asciugato il tutto, lo leviga con carte abrasive, fino ad ottenere superfici lisce che poi dipingerà.

Con le sue opere, Marinova, descrive le diversità che, non solo accetta, ma accoglie ed evidenzia valorizzandole, cosciente sostenitrice che ogni individualità è portatrice di cultura propria, di intrinseci valori che si concretizzano in stili di vita, comportamenti e atteggiamenti diversi, sempre in divenire.