Anna Fusek

Anna Fusek flauto, violino, pianoforte

Nata a Praga (classe 1981) e cresciuta in Germania, Anna Fusek è un fenomeno lodato da stampa e pubblico. In grado di spaziare tra i confini musicali, ha conquistato le sale da concerto di tutto il mondo alternandosi tra ben tre strumenti. Negli anni si è assicurata il suo spazio nella realtà musicale odierna come solista al flauto, ma spesso, con grande gioia e sorpresa del pubblico appassionato, durante gli applausi si presta a deporre il flauto dolce così da poter prendere il violino e continuare la sua performance. A tal proposito, portando avanti la tradizione barocca del musicista versatile, è anche apparsa numerose volte sul palco al pianoforte. Il suo vasto repertorio le permette di sviluppare tutti i tipi di progetti artistici. L’eleganza dell’arte di Anna trasmette la gioia del suonare e la sua profonda musicalità.
Inizia con lo studio del violino all’eta di cinque anni, a sei il flauto dolce, a otto il pianoforte: successivamente si perfeziona a Rotterdam, Berlino e Basilea. Non solo: affianca la formazione musicale con il diploma in Filosofia e Musicologia alla Humboldt University Berlin e con lezioni di recitazione all’American Academy of Dramatic Arts di New York.
Dopo il successo ottenuto nella passata stagione dell’ORT (a novembre è stata solista al flauto diretta da Christoph Poppen), in S.Croce si farà unica protagonista mostrando il suo molteplice talento. Alternandosi nel ruolo di flautista, pianista e concertatrice proporrà un “inno al barocco” con un programma che seleziona autori quali Telemann, Geminiani e Vivaldi, e che culmina con il Concerto K.466 di Mozart, uno dei concerti per pianoforte più eseguiti del genio salisburghese. Il brano infatti fuoriesce dal motivo barocco del programma: l’influenza dell’opera, il carattere d’intrattenimento virtuosistico, che si fa teatrale (divenendo discorso, narrazione, azione drammatica, musica assoluta) ha attraversato tutto l’Ottocento estendendosi sino al XX secolo.

www.annafusek.com